Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.
DSC_0177
DSC_0148
DSC_0149
DSC_0154

I dolci Tocchi

I biscotti del perdono fraterno

Quattro camere dai nomi che evocano i fiori che colorano Gerace come la genziana, l’orchidea, il ciclamino; un menù semplice ma di grande tradizione composto da piatti preparati con cura e grande attenzione alle materie prime ed alle nuove tecniche di cottura, in modo da renderli più leggeri e digeribili, anche grazie all’olio extra vergine esclusivamente di olive geracesi. Presentati nell’accogliente e semplice ristorante con le pareti, le sedie, i tavoli bianchi ed i soffitti caratterizzati da dodici volte semicircolari che, nella bella stagione, si prolunga nello spazio esterno; lì, in sintonia con le piante che l’adornano è, invece, il colore verde a dominare. Quaranta i posti all’interno, cinquanta quelli del dehors dove è possibile gustare il meglio della tradizione gastronomica calabrese: pasti da gourmet con antipasti di pesce crudo e cotto, pasta fresca, pane fatto con lievito madre e un abbinamento ottimale delle migliori farine macinate a pietra, dolci e sorbetti nei gusti più diversi. Il tutto accompagnato da una calibrata carta di vini dove le migliori etichette italiane si alternano a quelle calabresi, bianchi, rosè, rossi e passiti dell’area grecanica: vere chicche dal gusto unico ed inimitabile ed ancora sconosciute al grosso pubblico. Di grande impatto il contesto: la struttura fa parte di un sontuoso palazzo dell’Ottocento ed è situata in uno dei posti più caratteristici del borgo: si raggiunge percorrendo piazza delle Tre Chiese, così chiamata per la presenza di tre edifici sacri dedicati al Sacro Cuore, a San Francesco ed a San Giovaniello e sfociando, poi, in un vicoletto contorto e curvo che accompagna il turista quasi fino alla soglia dell’ “L’Antico Borgo”.

antico borgo

Siamo tutti Ruggero
Federica Cataldo accompagnerà i turisti nell’itinerario normanno facendo assaggiare loro un”morso” di storia geracese con i “Tocchi”, i dolcetti ispirato all’episodio, avvenuto nella centralissima omonima piazza, del perdono concesso da Ruggero al fratello Roberto il Guiscardo. I Dolci Tocchi sono gustosi biscotti con mandorle, miele e frutta secca tra morbidezza e croccantezza. Federica e lo staff saranno lieti di svelare la storia che si cela dietro a questa prelibatezza locale, ispirata ad un evento di amore fraterno che supera rivalità e sete di potere per riaffermare la forza dei vincoli di sangue.

Qui puoi…
Semplicità e cura dei particolari: questo è il fil rouge che lega i vari momenti esperienziali che i turisti possono vivere a “L’Antico Borgo” che, tra i suoi meriti ha anche quello di proporre un soggiorno tranquillo con la possibilità di usufruire di ogni possibile comfort con sale comuni bene attrezzate e le stanze, tutte con bagno privato, riscaldamento, televisione, internet, wifi e la possibilità di modulare le giornate secondo le proprie esigenze visto che può consumare soltanto la prima colazione oppure fermarsi per il pranzo e/o la cena. Con lo staff disponibile, inoltre, ad accontentarlo nel soddisfare sue particolari esigenze alimentari ed a consigliarlo sugli itinerari da scoprire. Con lentezza, passione e curiosità.

Esperienze
I Dolci Tocchi: i biscotti del perdono fraterno
€ 5,00

Info e contatti
L’Antico Borgo
Via IV Novembre, 38 Gerace
Federica Cataldo +39 0964 356173
www.lanticoborgogerace.it
lanticoborgogerace@gmail.com